Sammy’s Bitter

I periodi trascorsi nel Regno Unito per motivi sia professionali sia personali hanno dato modo ai soci di Fiorenero Lab di apprezzare il gusto e conoscere la storia dello stile “Bitter”, quello, cioè, a cui gli anglosassoni alludono spesso con l’espressione “Session Ale”, riservata alle birre scorrevoli, dissetanti e di bassa gradazione alcolica, da bere insomma durante le lunghe sessioni trascorse al bancone del proprio pub di fiducia. Birre che non stanchino il palato, perfettamente bilanciate, ma che abbiano comunque una componente aromatica in grado di appagare i sensi: amaro, componente maltata, bassa carbonazione e gradazione alcolica variabile ma mai troppo alta sono, quindi, gli aspetti peculiari di questo stile di birra.

Appunto per ricordare le lunghe “soste” nei pub anglosassoni Fiorenero Lab ha voluto produrre Sammy’s Bitter, che deve il proprio nome al figlio di uno dei soci, attivamente presente in occasione della prima cotta.

Scheda tecnica

Stile: Best Bitter | colore: 12 EBC | gradazione alcolica | 4,2% | amaro: 33 IBU | ingredienti: malto “Pale Ale”, malto “Caramunich”, luppolo “Fuggle” e “East Kent Golding”, lievito di ceppo inglese | temperatura di servizio: 8-10 gradi | bicchiere: Pinta o Nonic

Sammy’s Bitter ha colore ambrato e schiuma persistente nonostante la bassa carbonazione. Al naso la prima sensazione è data dalla componente caramellata dei malti, affiancata da quella luppolata. La birra conferma la facile beva dello stile con un profilo di frutta secca, leggermente tostato, con presenza lieve di caramello o toffee e un finale secco terroso e di liquirizia.